MISURA E RISPARMIA

Cosa possiamo fare concretamente per perseguire un risparmio non solo ecologico, ma anche economico.

La campagna #horispettoperlacqua realizzata dal Ministero della Transizione Ecologica grazie al «Fondo per la promozione dell’uso consapevole della risorsa idrica» per sensibilizzare e informare gli utenti del servizio idrico integrato sul tema del risparmio idrico ha come mission quella di accompagnare l’utente in un percorso teso a raggiungere una consapevolezza maggiore rispetto a quanto può fare concretamente per perseguire un risparmio che può avere ricadute ecologiche ed economiche positive.

L’attuazione del principio di risparmio dell’acqua avviene anche attraverso la promozione della misurazione individuale dei consumi.

La misura dei consumi di ciascuna unità immobiliare può essere ottenuta sia tramite la cosiddetta “singolarizzazione” – ovvero tramite la modifica impiantistica che consente di attribuire un misuratore legale per ciascun appartamento, con la conseguente instaurazione di un rapporto contrattuale diretto con il gestore di ciascuna unità – oppure tramite l’installazione dei cosiddetti contatori “divisionali”: in questo secondo caso il rapporto contrattuale rimane in capo al condominio.

I misuratori divisionali servono per ripartire i consumi totali e sensibilizzare gli utilizzatori al risparmio della risorsa idrica.

L’ipotesi “singolarizzazione” non è tuttavia perseguibile con qualunque tipologia impiantistica installata nell’edificio e prevede interventi infrastrutturali generalmente molto onerosi ed invasivi. Al contrario, l’installazione di misuratori divisionali è sempre possibile; tuttavia, per essere utile a fini di risparmio idrico, l’installazione di misuratori divisionali richiede l’adozione di alcuni accorgimenti organizzativi, come ad esempio installazione contemporanea dei misuratori, letture frequenti e contestuali.